La nostra galleria di opere d'arte Gli artisti che espongono in questo sito Le principali tecniche applicate
Le opere che potete acquistare online facendo la vostra offerta
Come contattare Gallery Lady
Cerca nel sito
Home PageArchivio notiziePerizie
Notizie d'Arte
28 Dicembre 2006
Nuove professioni. Nei musei pochi fund raiser ma sono in crescita project manager e diverse figure per la comunicazione
L'economia promuove la cultura. Per i beni artistici servono laureati con competenze gestionali
Nel mondo della cultura una maggiore competizione a livello di offerta e la contemporanea diminuzione dei fondi pubblici hanno reso necessario, soprattutto nell'ultimo decennio, l'inserimento di funzioni di stampo economico e gestionale. Le maggiori novità sono non tanto nei settori dell'industria culturale (editoria, discografia, cinematografia) che hanno logiche simili a quelle delle imprese tradizionali, quanto in quelli della gestione dei beni culturali e dello spettacolo.
Una prima funzione è quella della ricerca fondi. «La figura del fund raiser è fondamentale ed è ben presente nel mondo anglosassone - nota Cristian Valsecchi, docente di economia dei beni culturali all'Università di Bergamo - dove anche nei musei medi ci sono 4-5 persone che si occupano di ricerca fondi. Nelle nostre istituzioni culturali invece questa figura decolla a fatica. Cresce invece l'attenzione per le funzioni della promozione, del rapporto con la stampa e quella del service management, per garantire dei buoni livelli di accoglienza. Un'altra figura importante è quella del project manager, che ha una visione complessiva del progetto e svolge una funzione di coordinamento collettivo».
Per formare queste professionalità gli atenei hanno sviluppato negli ultimi anni alcuni nuovi corsi. Le strade sono almeno due: la prima corrisponde ai curricula del conservatore e del curatore che, all'interno delle lauree in Conservazione dei beni culturali, decine in tutta Italia, seguono l'indirizzo interdisciplinare "scientifico sociale/umanistico". La seconda parte invece da una formazione di base gestionale. Il primo corso di questo tipo è stato il Cleacc (Economia per le arti, la cultura e la comunicazione) del l'Università Bocconi, fondato nel 1999.
«I corsi che propongono un'ibridazione molto forte tra discipline culturali e gestionali portano a una formazione confusa - commenta Stefano Baia Curioni, direttore della laurea specialistica del Cleacc -. Il sistema andrà verso l'interfaccia di più figure, ma ognuna dovrà avere le sue specifiche competenze funzionali». Su una "terza via" si fonda invece il corso in Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo della Cattolica di Milano, interfacoltà di Economia e Lettere e filosofia, che propone un'integrazione delle competenze culturali e gestionali. «L'obiettivo - spiega Paola Fandella, responsabile del corso - è creare persone capaci non solo di occuparsi di amministrazione e marketing, ma anche di essere dialetticamente in grado di confrontarsi, anche con una solida preparazione culturale di base, con gli artisti». Con un'impostazione simile, nell'offerta formativa si sono di recente inseriti anche i corsi di laurea specialistica appartenenti alla classe delle «scienze economiche per l'ambiente e la cultura», che fanno capo alle facoltà di economia.
Numerosi sono anche i master per i manager della cultura. «C'è stata una proliferazione di offerta senza una considerazione della domanda per questo tipo di figura - lamenta Ugo Morelli, direttore del master of Art and culture management alla Trento School of management - ma quelli davvero validi, che rispettano dei parametri di serietà, sono solo una dozzina».

Fabrizio Patti, Lavoro & Carriere - Il Sole 24 Ore
Gallery Lady - Condizioni di vendita e Privacy policy - Glossario Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Credits