La nostra galleria di opere d'arte Gli artisti che espongono in questo sito Le principali tecniche applicate
Le opere che potete acquistare online facendo la vostra offerta
Come contattare Gallery Lady
Cerca nel sito
Home PageArchivio notizie Omaggio a Pietro Cascella
Notizie d'Arte
14 luglio 2008
Omaggio a Pietro Cascella

Qualcuno di certo lo sa che sono figlio di Sebastian Matta ma non tutti sanno che da piccolino per un po' fu Pietro Cascella a incarnare la figura paterna (il Sebastiano se l'era svignata anzitempo). Pietro era una forza della natura, un'espressione vivente del paesaggio scabroso della Majella, un abruzzese che traduceva nella pietra (nomen omen) l'animo guerresco e insieme poetico del divino Gabriele. In un'Italia che a fatica si risollevava dalle ferite belliche, culturalmente arretrata, per certi versi miserabile (per sfangare Pietro andava a mangiare alla mensa dei poveri), lui e il fratello Andrea hanno tenuta alta la tensione di una ricerca formale mai banale.
Poi arrivò il successo, le grandi commesse pubbliche, i monumenti, le piazze. Ma da un bel pezzo su Pietro sembrava gravare una cappa di silenzio omertoso, fazioso, smorfioso, come se sul suo capo si fosse abbattuta una sorta di fatwa. Una condanna non scritta che lo dipingeva quale artista di regime, peggio, il cantore del padrone del vapore & del televisore. L'autore del mausoleo di Arcore. Ora che Pietro è morto, tutti a lodarlo ma anche a inchiodarne la figura a quell'episodio marginale che per lo snob intellettuale risulta "sgradito", "grottesco", "farsesco". La tomba di Berlusconi! Inaudito! Come se fosse una macchia indelebile, un'onta da lavare. Mi par di sentirlo il coro greco? Berlusc? oni - oni! Ma fatela finita con lo spaventacchio, con l'omo nero, col babau del cacchio. Forse che Giotto, dovrebbe scontare di aver affrescato la Cappella degli Scrovegni? E già, gli Scrovegni, nota famiglia di strozzini non certo dei santarellini o degli agnellini di primo pelo.
Negli ultimi trent'anni non ho visto tributare a Cascella quegli onori che avrebbe meritato, non una grande antologica, non una mostra pubblica degna della sua fama, né la considerazione magna dei colleghi più giovani, dei tanti rampanti e ignoranti che napalmizzano l'immaginario.
Ora ci aspettiamo che si regolino i conti con la storia, che la memoria sia ristabilita, che si mettano a tacere i gossip di seppia sempre pronti a obnubilare le menti col loro venefico inchiostro.
Mi ricordo che nel 1964 Carol Reed pensò di affidare a lui, a Pietro, il ruolo di Michelangelo nel film "Il Tormento e l'estasi". Purtroppo, dovendo pagare pegno allo showbiz hollywoodiano, scelse Charlton Heston rendendo il tutto oltremodo insulso & melenso.
Pietro avrebbe interpretato assai meglio la parte. Gli apparteneva di diritto.

Pablo Echaurren (artista e scrittore)
www.exibart.com

Gallery Lady - Condizioni di vendita e Privacy policy - Glossario Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Credits